Denim mon amour!

Denim protagonista della primavera 2016

Dalle passerelle della moda il protagonista della stagione è ancora una volta lui, qualunque sia lo stile, ovunque si vada. Boy friends, con toppe e ricami, tagliato, sfrangiato, sexy vintage, sulle scarpe, sotto la giacca.

Il denim da più di cinquant’anni è uno dei tessuti più utilizzati nel mondo della moda e non sembra conoscere crisi: da generazioni, infatti, i pantaloni in denim, sono i capi must have di look casual e casual chic, da sfoggiare in ogni occasione. Il denim può essere utilizzato anche per realizzare giubbotti, gilet, camicie, sia da uomo sia da donna, senza dimenticare shorts, pantaloncini, scarpe da ginnastica, borse, la vasta gamma di altri accessori come gioielli e cappellini ideali soprattutto per look più giovanili.

tessuto denim - supercutblog

La storia

Siamo nel XV secolo. Il termine denim altro non è che una derivazione inglese della produzione di denim di Nimes (Francia), ma non dimentichiamo la produzione di Chieri: un tessuto particolare di fustagno blu, molto resistente. Dalla città piemontese ben presto il materiale arrivò al porto di Genova, dove la tela veniva usata per produrre i sacchi contenenti le vele delle navi o per coprire le merci del porto. A base di cotone e di lino il denim divenne il materiale più diffuso e utilizzato per la creazione di abiti da lavoro.

Il denim diventa famoso in tutto il mondo grazie alla sua presenza sul set di famosissimi film interpretati da divi di Hollywood che li hanno consacrati come capo di abbigliamento della ribellione degli anni Settanta; oggi è un capo d’abbigliamento tra i più comuni e diffusi negli armadi di tutto il mondo. Da quel momento il look, così semplice ma tanto perfetto per comodità ed occasioni, entra definitivamente nella moda contemporanea coronato come abbigliamento must have.

Per la grande diffusione dei blue jeans nel mondo si devono aspettare gli anni Settanta: da allora i jeans, cambiando di forma, di colore, di lavaggi, non sono mai tramontati e sono ancora oggi il capo d’abbigliamento passepartout.

La “Jeans Culture”

Una delle prime mode a riguardo del denim è stata la “jeans culture”. I teen-agers degli anni settanta puntavano ad ottenere dai loro pantaloni un aspetto sexy e per questa ragione, anche a scapito della libertà di movimento, riducevano al minimo la distanza fra l’epidermide e la loro seconda pelle di denim. Shrink to fit è stato lo slogan pubblicitario con cui la Levi’s ha venduto con successo il fenomeno. Questa moda flesh-squeezing (stringicarne) comportava anche un processo di vestizione complicato: chi non dimentica il famoso metodo dello sdraiarsi sul letto per chiudere la zip?

Per le alternanze della moda, che volle via via jeans larghi al polpaccio e stretti alla vita o al contrario larghi alla vita e stretti sul polpaccio, tutti larghi, giusti o boyfrend, il taglio sartoriale di questo amatissimo pantalone seguì i trend di ogni decennio. In seguito alla comparsa della fibra elastan, oggi i jeans sono riportati alla loro immagine originaria, in cui lo shrink to fit è un effetto a cui non si rinuncia più.

denim - supercutblog

Denim e T-Shirt: amore a prima vista

Abbinare T-shirt e denim è quotidiano, ma può essere cool quanto basta per essere indossato in occasioni speciali, sebbene informali. Il jeans deve essere perfetto, una seconda pelle, lo dobbiamo guardare e sentircene soggiogati, indossarlo e sentirci valorizzati. Quindi aspettate il momento giusto per fare acquisti, quello in cui siete di buonumore, non accontentatevi mai del modello in voga che hanno tutti, potrebbe non essere adatto alla vostra silouette. E se siete amanti del cucito come noi, perchè non provare a creare un capo unico? Per essere perfetti quando non sappiamo cosa mettere, mai più senza denim e t-shirt!

La combinazione maglietta-jeans é perfetta: le stagioni si colorano di bianco e blu: non solo i classici cinque tasche, ma anche cappe e mantelle ed altri must come blazer, gonne a ruota o a matita, salopette e camicie creano un outfit impeccabile e passepartout quando indossati con la T-shirt ed i giusti accessori. Cosa hanno in comune T-shirt e denim? Sono capi inseparabili, sono il «new black», il capo jolly che non ci fa sbagliare mai. Sono capi basic per eccellenza, che non possono mancare nel guardaroba, sia maschile che femminile.

denim_supercutblog_2

MAVuoi arricchire i tuoi capi denim con dei termoadesivi come quelli proposti da Marc Jacobs? Prova con quelli francese di Macon & Lesquoy o di  Linna Morata il risultato sarà strabiliante!

E tu di che denim sei?

Credits: Pinterest
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...